L’importanza di richiedere un parere: il caso Grissin Bon – Grease

Che bella la creatività. Io amo le persone che sperimentano, che pensano lateralmente e tutto il resto.

Mi chiedo però, se dopo aver immaginato un qualcosa, i vari creativi chiedono in giro, fanno test per raccogliere info..ma anche davanti ad un bicchiere di vino con un panino (canta anche tu con Albano!)

Ma…secondo me no! io quando ho qualche idea… faccio mini sondaggi in giro. Dopo i vari confronti, esse risultano o grandi idee o immense minch****!

Perchè sto divagando su ciò? Perchè ho appena visto la pubblicità dei Grissin Bon, stile Grease e secondo me test prima della messa in onda non ne sono stati fatti.

 

Sììììì ne sono sicura e qui di seguito vi spiego il perché:

  • se fai una parodia, fai una parodia. Cioè ci giochi, scherzi, trovi un elemento che discosti dall’originale (l’unico elemento non deve essere solo il testo che parla di Biscottate..anche perchè Signori, non è per niente accattivante);
  • La scena ripresa nello spot è quella dell’officina con le macchina, dove però nell’originale scena non ci sono le ragazze. Invece qua ci sono, la musica è diversa “stile scena a scuola” e sono tutti vestiti come la scena al luna park finale. che confusiooooneee (“sarà perchè” canta anche tu con I ricchi e poveri!);
  • i ballerini sono bravissimi (sarebbe stato più divertente e particolare il contrario per esempio).

non c’è nessun elemento che spezza la parodia..Solo dei ragazzi che decantano le qualità dei Grissin Bon…Che noiaaaaaaaaaaaaa.. voto  4 (ma solo perchè mi spiace per l’impegno del coreografo&ballerini)

Vi mostro una parodia come si deve. Ovviamente i valori sono ALT(r)I, il messaggio è sociale, la campagna  è Global Goals, l’organizzazione è l’ONU, etc etc però è per farVi capire la differenza:

 

 

Dai, ditemi se sbaglio. Tante care cose *_*

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *