Il caso dello spot Adidas scartato – Rifatevi il Cuore

C’era una volta uno studente di cinema che creò un meraviglioso spot.

Questo studente di nome Eugen Merher ha 26 anni e lavora attualmente come direttore commerciale della Filmacademie Baden-Wurttemberg (un’Accademia di Cinema tedesca). Invia lo spot all’Adidas che ringrazia ma non lo prende in considerazione. Così il giovane Eugen pubblica questa meraviglia su internet e (indovinate un po’?) diventa virale. (prego immaginate con me, il mal di pancia di chi è a capo della comunicazione Adidas in questi giorni 🙂 )

Anyway fama meritata. Il video è leggero nella visione ma profondo nel significato. Commovente è dir poco.

Rifatevi il Cuore:

 

 

L’argomento non è mica semplice, riguarda l’essere anziani e la non libertà-di-vivere. Ma lui ci prova, pensa sempre alle sue scarpe da corsa e ci riprova, passando dall’ingresso principale alla cucina, LUI CI VUOLE RIUSCIRE! Ma ogni volta lo bloccano, gli sbarrano la porta, non glielo permettono! Così proprio quando ormai non ci spera più, sconfortato seduto sul suo letto con gli occhi tristi, intervengono i suoi amici della casa di cura permettendogli di avverare il suo sogno: correre ancora!

Ricapitolando: argomento trattato con delicatezza ma compassione, video e montaggio eccezionali (e non tutti quelli passati in TV hanno questo livello), attori di un’espressività unica, ed il messaggio…oh il messaggio! io adoro il messaggio di questa pubblicità. E’ l’incarnazione di questa frase a me tanto cara: “Volevo dire al treno che passa una sola volta nella vita, che se ci tengo me la faccio pure a piedi!“.

quindi complimenti voto 10+ con lacrimuccia annessa.

“Eugen tu non sai chi sono ma sappi che ti ammiro. Una volta provai anche io ad inviare una mia idea (sotto forma di video amatoriale) ad una grande azienda che mi ignorò totalmente. Però tu oggi, con questo spot, mi permetti di sperare quindi, Grazie.”

Emilia

 

Share This:

2 commenti su “Il caso dello spot Adidas scartato – Rifatevi il Cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *